PIZZA DAY nasce il GIORNO DELLA PIZZA

P D foto pizzaP I Z Z A I O L I    attenzione

GIORNO DELLA PIZZA

oppure

PIZZA DAYP D F 4 GENTE 

Diamo vita, anche nella patria che ha visto nascere la 

PIZZA

Hungry boys eating pizza

alla giornata dedicata all’alimento Italiano più conosciuto al mondo, la cui parola P D F 3non è tradotta in nessuna lingua.  

In Inghilterra e America si festeggia già, quest’anno fatta il 9 febbraio.

Ad oc è stato aperto un profilo su facebook e twitter, per tutti i PIZZAIOLI del mondo.

APRIAMO UNA PETIZIONE

mettendoci le vostre ideeP D foto donna

flash acceso da Evandro e Jenny

P D F foto pezzo P D FOTO pizzaioli

CARBONE VEGETALE

 

pizza carbone vegetale

Il pane , la pizza  e i cornetti al carbone vegetale sono diventati un “food trend”, cioè di moda.

Il carbone vegetale si ottiene dalla combustione di legni , come betulla, salice, pioppo che avviene a temperatura molto elevata (500/600 gr) in atmosfera povera di  ossigeno e si ottiene una farina finissima ed è porosa, inodore ed insapore.

In alternativa al carbone vegetale, c’è un additivo alimentare, il colorante  E 153( chiamato anche carbone vegetale) molto usato in panificazione e pasticcerie, il suo utilizzo è autorizzato nei paesi dell’unione Europea, mentre in America  ne viene vietato l’uso alimentare a causa della sua potenzialità cancerogena.

Il carbone  vegetale è indicato  per alcune patologie che interessano l’apparato gastro intestinale, aiutando l’eliminazione del gonfiore addominale, del meteorismo e l’acidità, però è indicato che prima di assumerlo, si interpelli il proprio medico di fiducia che consiglierà   l’uso e le dosi.

Le quantità che studi scientifici indicano è di c.a. 1 gr 30 minuti prima dei pasti e di 1 gr appena terminato il pasto, diversamente con un uso non opportuno, il carbone vegetale, potrebbe arrecare seri problemi all’apparato intestinale, con nausea e diarrea.

 

Scopri  la farina giusta  per fare un impasto  leggero e digeribile su www.pizzaioloonline.it

 

ALTRI TIPI DI FARINE INTEGRALE.

farine

Usare la farina integrale, vuol dire aver scelto di vivere sano.

La farina integrale  conserva tutti  i suoi nutrimenti, conserva interamente la crusca ricca di fibre e anche il germe, che nella  farina 00 sono assenti.

Oltre alla farina di frumento integrale, esistono svariati altri tipi di farine, fra le più conosciute sono:

la farina integrale di Kamut ,che tral ‘altro contiene antiossidanti e tanto selenio;

la farina integrale di Segale, che ha tante fibre e Sali minerali;

la farina integrale di Farro ,che apporta all’organismo una buona quantità di magnesio ,che stimola sia il sistema nervoso  sia quello muscolare;

la farina integrale di Avena  che ha tante proteine  e apporta i grassi “buoni”;

la farina di Mais, ricca di Sali minerali, come potassio, ferro, fosforo, non contiene glutine ed è povera di proteine.

Sono farine che  possono essere usate in cucina, per realizzare sia pane, dolci e pizza.

Usare la farina di grano tenero 00,quella più diffusa, non è salutare per il nostro organismo, perché è povera di  fibre e quindi gli amidi “zuccheri” , si assimilano facilmente e di conseguenza c’è un pericolo di un aumento di glicemia e dell’insulina e con il tempo si corre il rischio di incappare in patologie come malattie cardiovascolari e obesità.

 

Scopri su www.Pizzaioloonline.it , quale è la farina ideale per realizzare una pizza ottima e salutare.

Lettera aperta al Presidente del Consiglio Matteo Renzi

ILL.MO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO MATTEO RENZI

OGGETTO:RICONOSCIMENTO GIURIDICO DELLA PROFESSIONE “PIZZAIOLO”

Pregiatissimo Presidente,

pur consapevole dell’oberosa attività che in questo momento grava sul Suo operoso Ufficio, scrivo a nome e per conto del COMITATO ITALIANO PIZZAIOLI che rappresento, per porre alla Sua cortese attenzione, la concretizzazione dell’ atto che finalmente ridonerebbe dignità e identità ai “PIZZAIOLI” e al prodotto della loro arte, apprezzato oggi più che mai nel Mondo, la PIZZA.

Già gli onorevoli Presidenti che l’hanno preceduto hanno ricevuto questa legittima richiesta, infatti la nostra prima missiva risale al 28 marzo 2004, per ora abbiamo solo ottenuto una risposta dall’allora Sottosegretario di Stato Enrico Letta e un disegno di legge.

Disegno di legge presentato e depositato a Luglio 2007, dall’Illustrissimo Senatore Giovanni Legnini, di cui mi pregio allegare copia, nella speranza che possa sostenere e facilitare codesta Istituzione a prevedere lo strumento legislativo idoneo al riconoscimento giuridico della nostra professione, in tempi ragionevolmente brevi.

I Pizzaioli d’Italia e del Mondo, che come e me , devono tutto alla PIZZA, confidano che la guida di questo operoso Governo accolga, prima di altri, l’accorato appello che si leva, ormai da anni, dal profondo delle coscienze di chi rispetta il proprio lavoro, e vuol essere istituzionalmente riconosciuto per onorare chi ci onora, e poter così legittimamente porre termine alle continue polemiche che infangano la Pizza e i veri professionisti che la preparano.

Il mondo è ormai pieno di “pizzaioli praticoni” che inquinano mortalmente questa onorata professione, sia consapevole Presidente che solo con questo atto salveremo noi stessi e i nostri figli da pessime digestioni e cattiva alimentazione, che la scienza spesso porta ad esempio per le pericolose conseguenze che può nel tempo causare.

Nella speranza di aver presto riscontro e veder accolta la nostra legittima richiesta, colgo l’occasione e con me tutti i PIZZAIOLI, di porgere alla S.V.I. affettuosi cordiali saluti e auguri.

COMITATO ITALIANO PIZZAIOLI

le tv parlano dei pizzaioli ma nessuno ci riconosce

TG2 INSIEME–GRANDE TRASMISSIONE–FINALMENTE !!!!! SI PARLA DI PIZZAIOLI E DI PIZZA…MOLTO SIGNIFICATIVA E BEN CONGENIATA LA TRASMISSIONE DEL 26 APRILE C.A. ORE 10’00, L’ABBIAMO SEGUITA CON VERO INTERESSE, AL PLURALE PERCHE’ DURANTE LO SVOLGIMENTO CI SIAMO TELEFONATI ED ERAVAMO CENTINAIA DA TUTTA ITALIA A SEGUIRVI. LA PIZZA. TUTTO IL MONDO SE NE NUTRE, E’ L’UNICA PAROLA ITALIANA NON TRADOTTA IN NESSUNA LINGUA, MA POCHI LA OSANNANO, NON PARLIAMO POI DEI PIZZAIOLI!!! VOI GIUSTAMENTE CI AIUTATE A DIFFONDERE QUESTA ARTE, ANCHE ATTRAVERSO DISADATTATI RIABILITATI COME PIZZAIOLI, DATE SPERANZE, MA SPERO SIATE CONSAPEVOLI DEL FATTO CHE IL MESTIERE PIZZAIOLO NON E’ RICONOSCIUTO DAI NOSTRI CODICI E CHE “LA PIZZA” NON E’ DEFINITA NEL CODICE ITALIANO DELL’ALIMENTAZIONE, PUR ESSENDO STATA RICONOSCIUTA COME PRODOTTO STG. QUESTA E’ UNA REALTA’ TUTTA ITALIANA. IL PIZZAIOLO COME AVETE GIUSTAMENTE DETTO, E’ UN MESTIERE DEL MONDO, CHE PUO’ DARE LAVORO A MIGLIAIA DI PERSONE EPPURE LEGALMENTE NON ESISTE. IO E’ DA ANNI CHE CERCO DI OTTENERE QUESTO RICONOSCIMENTO,AL SENATO E’ STATA PRESENTATA ANNI FA LA NOSTRA PROPOSTA DI LEGGE MA, DORME LI’, COSI’ SI PARLA E SI MANGIA PIZZA, MA NESSUNO PENSA A LEGALIZZARLA, CON L’ASSURDO ANEDDOTO VERITIERO CHE, NESSUN GIUDICE PUO’ EMETTERE SENTENZA SU UNA DIATRIBA CHE RIGUARDI LA PIZZA ….PERCHE’???? PERCHE’ PER LA LEGGE NON ESISTE!!!! HELP….CHI VI SCRIVE EVANDRO TADDEI E’ UN PIZZAIOLO DA SEMPRE( VEDI CURRICULUM SUhttp://www.pizzaioloonline.it ) CHE CERCA COME TUTTI I PIZZAIOLI DEL MONDO, IDENTITA’, E’ COGLIENDO OGNI OCCASIONE LEGITTIMA PER DIFFONDERE QUESTO PENOSO MESSAGGIO TUTTO MADE POLITICA ITALY. GRAZIE COMUNQUE , ANCHE SE NON RISPONDERETE A QUESTO APPELLO, POICHE’ SEMPRE FATTI PIU’ IMPORTANTI, DI CIO’ CHE NUTRE MILIARDI DI PERSONE OGNI GIORNO, NASCONDONO UNA TRISTE REALTA